no, non correro'
il rischio di poterti
perdere nel buio
dei miei ricordi
senz'averti detto
prima tutto
proprio tutto
sulla mia identita'
che nessuno
in fondo sa


quello che sembrava amore
era solo un'abitudine
vestita
di frutti canditi e more
come un panettone
che a natale
non si dimentica
che presto
finira'


ma dimmi tu
dimmi tu
dimmi, dimmi tu
cos'altro vuoi da me
se non ho niente da difendere
di quel che e' stato e ancora c'e'
non resti solo un po'
di cenere


giorno dopo giorno
ho avuto la pazienza
di ingoiare tutto
prima di
vomitarti addosso
le mie insicurezze
sono ormai certezze
di non amarti piu'
beh, questo almeno
ora so


e ora che non ho
piu' nulla da temere
dentro queste mura
la solitudine
ha occupato ogni angolo
di stanza vuota
come la polvere
che sporca pure me


ma dimmi tu
dimmi tu
dimmi, dimmi tu
cos'altro vuoi da me
se sono solo io a perdere
e quel che e' stato e ancora c'e'
non voglio muoia tra la cenere


ma dimmi tu e
dimmi tu
e dimmi, dimmi tu
cosa di strano c'e'
se saro' io a doverti chiedere
di trasformarti in polvere
e non in cenere
perche' la polvere
per sempre c'e'
in ogni dove
nascosta dietro al sole
per sempre c'e'...
per sempre c'e'...


non c'e' spazio al mondo
che non sia coperto dalla polvere
la senti sulle mani
su ogni parte del tuo corpo
come fosse una seconda pelle
mentre ti consumi
prende forme inaspettate
quando con un dito
segue il profilo
di quest'universo
che ti fa sentire perso
nell'infinito terso
fatto di polvere
nell'aria che respiri
polvere


...la solitudine